Il giardino di Bama

Un autunno molto caldo

lunedì 16 ottobre, 2017

Autunno caldo e soleggiato | Il Giardino di Bama

Una volta si diceva di marzo; oggi, dal momento che “non ci sono più le stagioni” possiamo dirlo di quasi tutti i mesi. È un fatto che un giorno fa freschino e un altro sembra tornare il caldo…

Le piante reagiscono come noi a questo altalenarsi di temperature; talvolta facendo cadere le foglie in anticipo, talvolta tornando a fiorire. Passato il gran caldo estivo, e piante sono tornate da alcune settimane a vegetare, mettendo nuove foglie e, in alcuni casi, anche nuovi fiori.

I rosai, che avevano quasi arrestato la loro crescita a luglio-agosto, oggi si sono riempiti di nuovi getti con foglioline nuove e dei piccoli boccioli tardivi che presto ci faranno parere di essere tornati a primavera. Per il momento la temperatura non è tale da preoccuparci e possiamo attendere ancora un poco prima di ritirare le piante più delicate in casa o in serra, o per proteggerle dal freddo. Vale invece la pena controllare (soprattutto sui terrazzi) che il terreno rimanga umido e fornire alle nostre piante, sia quelle del giardino sia di casa e del terrazzo, un poco di fertilizzante per sostenere il loro ultimo sprazzo di crescita e rinforzarle prima della brutta stagione. Possiamo usare i concimi liquidi, ma anche distribuire sul terreno, coprendolo con un poco di terra, del letame sfarinato o pellettato.

Togliamo comunque tutte le foglie brutte o i rami secchi o danneggiati: indurremo le nostre piante a produrne di nuovi.

Wie viele Pflanzen in einer Handvoll Boden!

lunedì 16 ottobre, 2017

Donna Moderna210x271.indd

Sagen wir es bald, daß “fotographische” Bedürfnisse sicherlich eine unnatürliche Konzentration der Pflanzen für ein reines ästehetisches Ziel auferlegen, aber Sie werden uns sicher verzeihen: auch die schönsten Top-Modellen werden geschmückt, um noch schöner als sie sind auszusehen!

Das gesagt, öffnet Ihre freundliche Frage ein interessantes Thema, darauf es richtig ist, einige Wörter zu schreiben.

Am Ersten: wieviel Boden braucht eine Pflanzee? Wenig, sehr wenig, weniger als wir denken, weil die Rolle des Bodens strategischer als funktional ist.

Damit Sie sich nicht um diese Aussage kümmern, laden wir Sie ein, die Größe einiger Bäume im Hochgebirge in Betracht zu ziehen: Kiefern und Tannen von 10-20 Metern die auf sehr begrenzten Mengen und Tiefen des Bodens leben. Der Boden, der die Bergfelsen bedeck, ist wirklich sehr wenig,

Der Boden spielt eine verschiedene Rolle als diejenige , die wir uns vorstellen können: es ist ein wundervolles 24 Stunden/365 Tage operatives Chemielabor, das das Pflanzenmaterial in so kleine Komponente umwandeln kann, die mit Wasser verteilt und dann von den Wurzeln absorbiert werden.

Eine zweite Frage wirft als offenschtlich auf: aber wie viel konsumiert eine Pflanze? Wenig, sehr wenig. Lassen Sie uns zurück an unsere Tanne auf hohem Berg denken, um eine Idee zu haben. Die

Sechzehn Elemente , die für das Leben einer Pflanze notwendig sind ( Stickstoff, Kalium, Phosphor usw.) werden von der Pflanze in minimaler Menge “ absorbiert” und verwendet. Wir sprechen über Milligramm und in vielen Fällen von Mikrogramm.  Einige dieser Elemente sind nicht verbraucht:  sie sind nur als Katalysatoren notwendig, um die Zucker zu produzieren, die die Pflanze braucht.

Im hydroponischen Anbau ( Hydrokultur, um es einfacher zu sagen) existiert der Boden nicht: Pflanzen wachsen und wachsen gut in einer Lösung, wo alle notwendige Elemente sind. Die Wurzeln klammern sich an lebloses Material, wie Lehm oder Kies, nur für die einzige Funktion von Nahrung.

Auf jedem Fall, um ein schönes Bild zu schaffen, gibt es kein Grund, dafür eine Pflanze schön, gesund und produktiv in einem minimalen Raum des Bodens wachsen kann. Vor kürzem habe ich eine Dracena von mehr als 2 Metern mit Blättern länger als 80 cm ( was wir sicherlich eine schöne Pflanze definieren würden) gesehen, die seit mehr al 20 Jahren in einem Topf mit einem Durchmesser  von 30 cm gewachsen ist, wo nur 2/3 Gläser von Boden sein können, wenn man am Raum der Wurzeln nachdenkt. ( Außerdem habe ich sie an einer Tankstelle gesehen, deshalb in einem Raum, das wegen der anwesenden Dämpfen sehr giftig ist – Wunder der Natur!).

Die Notwendigkeit, den Pflanzen des Gemüsegartens und den Zierpflanzen normalerweise einen richtigen Platz zu geben, ist aus zwei Gründen: um zu vermeiden, daß die Pflanzen sich gegenseitig begrenzen und ihnen eine Korrekte Belüftung zu gewähren. Die fehlende Belüftung erhöht die Feuchtigkeit und verursacht z.B. Pilzkrankheiten. Beide Probleme lösen sich jedoch: wir können die Belichtung durch die Verwendung einiger einfacher reflektierenden Platten verbessern und die Belüftung zwingen, so daß die Mikroklima und die verursachte Feuchtigkeit unter der kritischen Schwelle gehalten werden können. Alle Geräte, die bei Gewächshäuse verwendet werden. Z.B. werden die Melonen, die viele Quadratmeter von Boden erfordern, heute vertikal im Gewächshäuse angebaut, wo die Äste befestigt und die Früchte in hängenden Drahtgärten getragen werden.

Warum sind Ihre Pflanzen nicht so schön und fruchtbar? Schwer von fern  zu sagen. Vielleicht – so daß es Sie ein wenig trösten kann – aus dem gleichen Grund, dafür mein Basilikum dieses Jahr so arm ist, während dasjenige meines Nachbars eine Wunder ist ( aber meine Rosen sind schooner!).

Wir können nich alles verstehen, aber wir gern mit Leuten reden, die wie Sie und wir lieber und lieber verstehen möchten.

How many plants in a handful of soil!

lunedì 16 ottobre, 2017

Donna Moderna210x271.indd

Let’s say soon that “photographic” needs certainly impose an unnatural concentration of the plants for a pure aesthetic goal, but you will pardon us for sure: the most beautiful top models are made up to be even more beautiful than they really are!
Said this, your kind question open an interesting topic on which it is right to write some words .

First of all: how much soil does a plant need to grow up? A few, very few, less that we think because the role of the soil is more “ strategic” than functional.
In order for you not to worry about this statement, we invite you to consider the sizes of certain trees in high mountain: pines and firs of 10-20 meters that live on a very limited quantities and depths of soil. The soil that covers the mountain rocks is so few that it would make us give up building our own vegetable garden.

The soil, the top soil play a different role than the one we are used to think of: it is a wonderful 24 hours and 365 days operative chemical laboratory, able to transform the vegetable material into such small components that they can be spread by water to be absorbed by the roots.

A second question raises as obvious: but how much does a plant consume? Few, very few. Let’s think back to our fir on high mountain to have an idea.
The sixteen elements that are necessary for the life of a plant ( Nitrogen, Potassium, Phosphorus etc) are “ absorbed” and used by the plant in minimum quantities: we talk about milligrams and, in many cases of micrograms. Some of these elements are not either consumed: they are necessary only like catalysts to produce the sugars the plant needs.
In the hydroponic cultivation ( hydroculture to make it simpler) the soil does not exist: plants grow and grow up well in a solution where all the necessary elements are. The roots cling to lifeless material, like clay or gravel, only for a sole function of sustenance.

Going back to us, apart from the “photographic” needs to create a beautiful image, there is no reason why a plant can’t grow up beautiful, sane and productive in a minimum space of soil. I have recently bumper into a dracena of more than 2 meters with leaves longer than 80 cm ( what we will surely define a beautiful plant) that have grown for more than 20 years in a pot with a diameter of 30 cm, where, considering the space taken by the roots, only 2/3 glasses of soil can stay. (By the way, I have seen it at a gas station, in a space that, for the present vapors, is even very toxic – wonders of Nature).

The necessity to give normally a correct space to the plants of the vegetable garden and to the ornamental ones is due to 2 reasons: to avoid that the plants cover each other limiting the exposure and grant a sufficient space among the plants for a correct ventilation. The lacking ventilation increases the level of humidity and causes, for examples, fungal diseases.

Both problems can be however solved: we can improve the exposure by using some simple reflecting panels so that the plants can receive the light from all sides and a minimal forced ventilation that can keep the microclimate and the caused humidity under the critical threshold. All devices that are usually used in greenhouses. For example the melons, which would require many square meters of soil, are grown today vertically in green house, by fastening the branches and sustaining the fruits in hanging wire gauzes.

Why are not your plants so beautiful and fertile? Difficult to say at distance. Maybe – therefore you console yourself a little bit . for the same reason why my basil is this year so poor, while my neighbor’s one is wonderful ( but my roses are more beautiful). We can not understand all, but we like to talk with people who, like you and us, would like to understand and do better and better.

Quante piante in un pugno di terra!

lunedì 25 settembre, 2017

Kit Fioriera Orto Di Bama

Di quanta terra ha bisogno una pianta per crescere? Poca, pochissima, meno di quanto si pensi perché il ruolo della terra è più “strategico” che funzionale.

Ad esempio, pini e abeti alti dieci-venti metri vivono su una quantità e una profondità di terreno limitatissime. La terra che ricopre la roccia in montagna è talmente poca che ci farebbe desistere persino dal costruirci il nostro orto.

La terra, il terriccio, in realtà svolge un ruolo diverso da quello a cui siamo abituati a pensare: è un meraviglioso laboratorio chimico, operativo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, capace di trasformare la materia vegetale e minerale in componenti tanto piccoli da poter essere veicolati dall’acqua per essere assorbiti dalle radici.

Sorge naturale una domanda: ma quanto “consuma” una pianta? Poco, pochissimo. Ripensiamo al nostro abete in alta montagna per farcene un’idea. I sedici elementi necessari per la vita di una pianta (Azoto, Potassio, Fosforo e via via tutti gli altri) vengono “assorbiti” e utilizzati dalla pianta in quantità minime: si parla di milligrammi e, in molti casi, di microgrammi. Alcuni di questi elementi non vengono nemmeno consumati: servono solo come catalizzatori per produrre gli zuccheri di cui la pianta necessita.

Nella coltivazione idroponica (idrocoltura per semplicità) la terra non esiste: le piante crescono e crescono bene in una soluzione in cui sono presenti gli elementi necessari. Le radici si abbarbicano a materiale inerte, come l’argilla o la ghiaia, per una sola funzione di sostentamento.

Nella foto qui sopra dove mostriamo il kit di fioriere “Orto di Bama”, fatte salve le esigenze “fotografiche” di creare una bella immagine, non c’è alcun motivo per cui una pianta non possa crescere bella e sana e produttiva in uno spazio minimo di terra. Recentemente mi sono imbattuto in una dracena dell’altezza di oltre due metri con foglie lunghe più di 80 cm (quello che definiremmo veramente una bella pianta) che cresceva forse da vent’anni in un vaso di meno di trenta centimetri di diametro in cui, considerando lo spazio occupato dalle radici, ci possono stare forse due-tre bicchieri di terra (per inciso, l’ho vista da un benzinaio, un ambiente che, per i vapori presenti, è anche di per sé molto tossico – meraviglie della Natura).

La necessità di fornire normalmente alle piante dell’orto come a quelle ornamentali un giusto spazio sta in due ragioni: evitare che le piante si coprano a vicenda limitando l’esposizione e fare in modo che vi sia tra le piante uno spazio sufficiente per una corretta ventilazione. La mancata ventilazione aumenta il livello di umidità e induce, ad esempio, malattie fungine.

Entrambi i problemi sono, volendo, risolvibili: si può migliorare l’esposizione sfruttando dei semplici pannelli riflettenti in modo che le piante possano prendere luce da ogni lato e una minima ventilazione forzata che mantenga il microclima e l’umidità che comporta intorno alle piante sotto la soglia critica. Tutti espedienti che vengono normalmente sfruttati nelle serre. I meloni, ad esempio, che richiederebbero molti metri quadrati di terra, vengono oggi coltivati in serra in verticale, legando i rami e sostenendo i frutti in reticelle pensili.

Kit Fioriera Orto di Bama

Come raccogliere il basilico

mercoledì 12 luglio, 2017

Basilico | Il Giardino di Bama

Chi non ha almeno una piantina di basilico da usare fresco nelle proprie ricette? È un piacere vederlo crescere rigoglioso e fare tante foglie profumate. E ha bisogno di così poco: tanto sole e acqua regolare.

Quando desideriamo utilizzarne le foglie, iniziamo sempre col prendere la cima. Si spezza facilmente con le dita e non servono le forbici. Non temiamo con questo di limitare lo sviluppo della pianta; cimandola tende a produrre nuovi fusti e a ingrandire le foglie rimanenti. Inoltre, cimandola, impediamo che faccia il fiore cosa che fa invecchiare la pianta in poche settimane. Inoltre, se prendiamo delle foglie grandi (quelle alla base sono le più grandi) non prendiamone mai per più del 50% di quelle disponibili o indeboliremmo la pianta che faticherebbe a riprendersi.

Se desideriamo raccoglierlo tutto per conservarlo, facciamolo al mattino presto, quando gli oli essenziali sono maggiormente presenti nelle foglie. Laviamolo e congeliamolo subito: se, invece dei sacchetti, usiamo una scatola di polistirolo (quelle che si usano per i gelati) ed evitiamo di premerlo, le foglie congeleranno e rimarranno più facilmente disponibili per lungo tempo.

Tanta acqua e poco concime

martedì 4 luglio, 2017

Annaffiatoio Bama

In queste settimane di gran caldo le nostre piante possono facilmente entrare in sofferenza per mancanza di acqua. Le piante la utilizzano, oltre che per veicolare le sostanze nutritive attraverso tutti i tessuti, anche per raffreddare le foglie mediante la traspirazione.

La mancanza di acqua si traduce perciò nell’impossibilità per la pianta di sopperire al calore; prima si affloscia (è un meccanismo naturale per limitare l’incidenza del sole sulle foglie e contenere l’acqua disponibile nel fusto) e poi, se la siccità perdura, le foglie seccano.

Per evitare problemi basta mantenere umido il terreno, cosa invero non sempre facile, specialmente nei vasi piccoli, non dotati di riserva d’acqua. Il terreno nei vasi tende ad asciugare velocemente, vuoi perché sottoposti direttamente al calore del sole, vuoi per evaporazione dalla superficie. Prendiamo perciò la buona abitudine di annaffiare le nostre piante alla sera, quando il sole è già tramontato, o al mattino presto. In questo modo il terreno non è più caldo ed evitiamo shock termici causati da un’acqua troppo fredda; la pianta avrà molte ore per godere dell’acqua che abbiamo fornito prima che l’evaporazione inizia ad asciugare il terreno.

Evitiamo comunque di bagnarle troppo, ma assicuriamoci sempre che la superficie del terreno sia effettivamente asciutta. Nel dubbio, infiliamo una matita nel vaso ed estraiamola: se appare asciutta è bene annaffiare, se appare umida, possiamo invece aspettare.

Evitiamo invece di fornire concime alla piante, sia esse verdi, da fiore o ortaggi; il concime aumenta il fabbisogno di acqua ed quindi meglio evitarlo finché le temperature si mantengono alte.

Usiamo bene i vasi a riserva d’acqua

giovedì 22 giugno, 2017

Vasi a riserva d'acqua | Il Giardino di Bama

I vasi a riserva d’acqua sono una grande invenzione che ci permette di mantenere le piante sane anche durante le settimane più calde dell’anno senza preoccuparci di annaffiarle tutti i giorni. Il loro principio di funzionamento prevede che l’acqua posta alla base del vaso mantenga umido il terreno sovrastante per capillarità. Per questo vanno preparati ed usati in modo diverso da quelli tradizionali.

Innanzitutto non dobbiamo mettere lo strato di drenaggio (solitamente ghiaia o argilla espansa), ma dobbiamo versare la terra sopra l’apposita grata posta sopra il fondo vero e proprio del vaso. Usiamo terriccio di qualità, non sfruttato da altre piante, ma acquistato in sacco e scelto per la presenza di torbe bionde selezionate.

È importante che il terreno in cui coltiviamo le nostre piante abbia un buon contenuto di torba perché ad essa si deve la ritenzione idrica necessaria per mantenere umide le radici. Annaffiamo normalmente la nostra pianta e riempiamo quindi la riserva d’acqua come indicato dall’ampolla. In questo modo l’acqua contenuta sotto la grata su cui abbiamo versato il terreno manterrà normalmente umido il terreno sovrastante senza infradiciarlo.

A noi basterà, di tanto in tanto, controllare il livello della riserva d’acqua e, se necessario, ripristinarlo. Niente di più facile per avere piante sempre in forma.

Se ti servono vasi a riserva d’acqua, quelli di Bama sono davvero belli! Clicca qui.

Parliamo ancora di piante velenose

giovedì 20 aprile, 2017

Piante velenose

Nel precedente intervento ho affermato che tutte le piante sono potenzialmente velenose e qualcuno si è giustamente allarmato. L’affermazione deriva dal fatto che le piante, per esser giunte fino a noi con un evoluzione di tre miliardi di anni, hanno dovuto attrezzarsi, per così dire, contro tutti potenziali nemici, insetti ed erbivori. Se così non fosse stato, una qualsiasi specie particolarmente appetibile, sarebbe scomparsa. Invece le piante, proprio per difendersi dai parassiti e dagli animali che se ne volevano cibare, hanno sviluppato dei meccanismi difensivi che prevedono, tra l’altro, anche la produzione di essenze repellenti o tossiche.

Tutte le piante ne sviluppano e tutte perciò sono potenzialmente tossiche. Quelle che noi definiamo aromatiche, sono piante che hanno sviluppato essenze che allontanano taluni parassiti, ma che risultano innocue per gli esseri umani. Alcuni esempi utili per chi in questi giorni sta preparando l’orto: il basilico è un buon repellente dell’oidio, l’aglio tiene lontano i vermi dal terreno e gli afidi dalle foglie, il geranio tiene lontane le zanzare (in uno stretto raggio).

Prendiamo come esempio una pianta che possiamo facilmente trovare anche nei nostri prati: la cicuta. Potrebbe essere scambiata per una grossa pianta di prezzemolo, ma è tra le piante più tossiche. La maggiore concentrazione degli alcaloidi mortali che produce è nel frutto immaturo (quasi l’1%). La concentrazione si dimezza quando il frutto è maturo. È evidente come la pianta tende con questa tossicità a difendere il frutto e il seme che contiene.

Anche il pomodoro, se consumato acerbo, è tossico (contiene solanina, la stessa sostanza che troviamo nella buccia verde delle patate); la tossina scompare completamente quando il frutto è maturo. Ovviamente, non tutte le tossine prodotte sono mortali e non tutte hanno effetto su tutti gli essere viventi. Per tornare alla cicuta, ad esempio, può essere letale per cavalli, pecore e mucche, ma i volatili ne sono completamente immuni.

Le piante velenose per noi e i nostri piccoli amici

mercoledì 5 aprile, 2017

Piante tossiche oleandro

Quando si tratta di rimettere a nuovo giardino o terrazzo si torna a parlare della potenziale pericolosità di talune piante; si pensa all’oleandro, alla speronella, alle bacche di molti arbusti. E ci si preoccupa, giustamente, se si hanno bambini piccoli che girano per casa, o anche animali domestici che, si sa, assaggiano quasi tutto.

Il problema è concreto, anche se è doveroso non fare allarmismi in materia. L’oleandro è tossico; si narra che alcuni soldati francesi durante la prima guerra mondiale non trovarono di meglio che usare un ramo di oleandro come spiedo per arrostire un coniglio selvatico e morirono intossicati. È possibile che sia avvenuto così, come si racconta, ma è doveroso anche dire che è forse l’unico caso di morte accertata a causa dell’assunzione delle tossine contenute in questa pianta. A nessuno verrebbe in mente di mangiarne le foglie e se qualcuno ci prova, capisce anche subito perché: un gusto veramente orribile. Non ti viene certo voglia di mangiarne a sufficienza da avere seri disturbi. La morte dei soldati francesi di cui si racconta può essere tranquillamente annoverato tra gli incidenti possibili sì, ma assolutamente improbabili.

La realtà è che tutte le piante sono potenzialmente tossiche (ma di questo magari parliamo la prossima volta); a noi si richiede la giusta attenzione nel porre le piante più tossiche ad altezza tale da non essere raggiungibili dai bimbi o dal nostro cagnolino (che comunque durante le passeggiate mangia di tutto). Basta mettere il vaso in posizione rialzata (anche appeso al davanzale o alla ringhiera può bastare) o mettere una piccola barriera fatta di pezzi di legno o una rete per evitare che col muso possa raggiungere le foglie. Possiamo anche pensare di coltivare il nostro oleandro ad alberello, così che la chioma sia fiori dalla portata del più bimbi ed animali.

Insomma, non facciamoci prendere dal panico: vale molto di più educare i nostri bambini a ciò che possono e non possono toccare. I miei ad esempio, non ne volavano sapere di mangiare l’insalata: figuriamoci se mangiavano le foglie dell’oleandro!

Un bagno immerso nel verde

mercoledì 15 marzo, 2017

Un bagno immerso nel verde | Il Giardino di Bama

A chi non piacerebbe fare il bagno o la doccia contornati da una ricca vegetazione? Eppure basta molto poco: ci basta avere un bagno mediamente luminoso dove la luce possa filtrare per alcune ore al giorno. E ovviamente dei vasi adatti, meglio se a riserva d’acqua.

Il bagno è la stanza normalmente più umida e per questo è ideale per far vivere piante di origine tropicale come il filodendro, il potos, il gelsomino, la dracena, ma anche le felci.

Possiamo semplicemente cominciare con una pianta di potos, di poco costo e vedere nelle prossime settimane come si comporta. In questo periodo forse crescerà poco, ma a noi basta sapere che abbia abbastanza luce e possa facilmente ricadere o arrampicarsi su un qualsiasi sostegno.

Se vediamo che la nostra pianta vive bene possiamo allora pensare di mettere qualche pianta più grande, se abbiamo lo spazio, oppure di far arrampicare il nostro potos su un graticcio da mettere a ridosso della vasca da bagno come un separé, o ai lati della specchiera.