Il giardino di Bama

SE LE PIANTE SOFFRONO

venerdì 30 gennaio, 2015

Durante l’inverno le piante verdi vanno un po’ in sofferenza: molte di loro perdono tante foglie senza produrne di nuove, tante hanno le punte secche, tante assumono un aspetto triste come se dovessero morire da un momento all’altro.

È purtroppo normale per ché l’inverno già conta un numero di ore di luce inferiore rispetto alle stagioni belle. A questo si aggiunge che in casa, per quanto facciamo, la luminosità ambientale è minore dell’esterno. E poi c’è il riscaldamento, le correnti d’aria, l’acqua calcarea…

Insomma, hanno tanti buoni motivi per non essere in piena forma. Noi possiamo aiutarle cercando di aumentare al massimo la luce che le colpisce (magari basta scostare le tende, aprire le zanzariere, sollevare al massimo gli avvolgibili), spruzzando sull’intero fogliame dell’acqua non calcarea per sopperire al riscaldamento, spostandole dove non possano sentire le correnti d’aria fredda quando apriamo le finestre per cambiare aria.

Possiamo anche dare loro un poco di concime, insieme all’acqua delle annaffiature.

Continua a leggere »

AROMATICHE IN CASA

lunedì 26 gennaio, 2015

Nei supermercati ci possiamo imbattere, nell’angolo dedicato alle piante, in alcuni vasetti di aromatiche: si tratta per lo più di rosmarino, salvia, l’immancabile basilico. Vale la pena acquistarle? O ci muoiono subito dopo pochi giorni?
Salvia e rosmarino sono piante rustiche che possono tranquillamente sopravvivere in esterno anche quando la temperatura scende sotto lo zero. Il freddo in realtà può ferire queste piante solo a livello delle radici; se queste sono grandi e affondano in tanto terreno non verranno colpite dal gelo perché difficilmente questo può gelare la terra fino a una profondità superiore ai dieci centimetri. Se dunque queste piante sono in giardino e sono sufficientemente grandi (hanno almeno tre anni), probabilmente rimarranno insensibili alla neve e al gelo.

Le piante più piccole, messe magari a dimora lo scorso anno in piena terra, hanno invece bisogno di una minima protezione, costituita da foglie secche o corteccia intorno al colletto della pianta o addirittura del tessuto non tessuto intorno al fogliame della salvia.
Diverso, ovviamente, è il discorso per le piante in vaso. Il terreno nel vaso si raffredda molto rapidamente, anche perché un drenaggio non perfetto (magari ci dimentichiamo di vuotare il sottovaso) rischi di far gelare l’acqua che intride la terra e di conseguenza rompe le radici o le soffoca. Le piante più piccole vanno quindi sicuramente protette o mettendole in una serretta o tenendo il vaso dentro un cartone riempito di corteccia o avvolgendo pianta e vaso nel tessuto non tessuto. In alternativa – e qui arriviamo alla domanda iniziale– le teniamo in casa, ma in un locale poco riscaldato, abitualmente fresco (può andar bene anche l’ingresso o il pianerottolo).

Discorso a parte va fatto per il basilico che è una pianta che invece teme il freddo e ha bisogno di calore e luce per poter crescere.

Per il basilico non ci sono alternative: teniamolo in casa, in un locale normalmente riscaldato, ma non vicino a fonti di calore. L’ideale è sistemarlo in un vaso con riserva d’acqua in cucina (normalmente un locale caldo e umido).

Continua a leggere »

GIA’ PRONTI PER LE PRIME SEMINE?

martedì 13 gennaio, 2015

L’inverno è il momento in cui la Natura si riposa e spesso prendiamo questa idea come pretesto per non far nulla; e sarebbe un errore.

In inverno, specialmente nel calduccio della nostra casa possiamo fare molto. Ad esempio seminare le prime piante da fiore o, perché no?, la prima insalatina.

    

Abbiamo delle cassette vuote, quelle magari che normalmente teniamo sui davanzali o appese alla ringhiera? Raffiniamo un poco il terriccio, ripulendolo dalle vecchie radici, mescoliamovi del terriccio per piante grasse (molto sabbioso) per renderlo leggero e permeabile. Uniamo anche una manciata di concime granulare per arricchirlo di nutrienti e seminiamo con fiducia.

     

Una bustina di semi basta e avanza, possiamo anche dividerla con gli amici. In ogni cassetta possiamo creare due file di lattughino o valeriana, copriamo i semi con un centimetro di terra e annaffiamo a pioggia o usandolo spruzzatore.

Continua a leggere »

BUON ANNO…CON UN TEMPO PAZZO

venerdì 9 gennaio, 2015

C’era un tempo in cui in inverno faceva freddo, c’era la neve e si viveva intabarrati nei maglioni e nei cappotti.

L’inverno era fatto così, ma si sapeva che poi la primavera avrebbe portato un clima migliore e il piacere di un’estate calda e asciutta. Oggi sembra primavera, e invece è appena passata l’epifania; la settimana scorsa c’era la neve e ci sembrava normale; oggi non si sa bene come vestirsi…

E se è complicato per noi che in fondo ci sappiamo adattare e possiamo facilmente metterci e toglierci i cappotti, immaginiamo cosa deve essere per le piante capire in che stagione siamo.

Infatti in giardino si vedono delle gemme che già si inturgidiscono, come fossero già pronte ad aprirsi; e speriamo che non succeda o alla prima gelata, verrebbero rovinate.

Quelle di casa non stanno meglio dopo le feste. L’arrivo di parenti, l’allestimento di cenoni, i giochi stessi dei bambini ci ha probabilmente indotti a spostare le piante in posizioni più “sicure”, meno invadenti. E dopo due settimane con poca luce, tanto caldo, magari anche un po’ di fumo… hanno certamente bisogno di ritrovare la loro abituale tranquillità.

Premiamo la loro pazienza con una bella doccia – se sono piccole – o lavando accuratamente le loro foglie, se sono grandi. Ci basta un dischetto di cotone imbevuto di latte, qualcuno consiglia di mescolare un po’ di miele nel latte, per rendere lucide le foglie. Male non fa di certo.

Continua a leggere »