Il giardino di Bama

COSE CHE SI FANNO QUANDO SI E’ IN FERIE

giovedì 27 agosto, 2015

La mia vicina mi invita un giorno a casa sua, ci parliamo di solito attraverso il balcone: io commento i suoi fiori e lei fa lo stesso con i miei.. per togliere ogni dubbio sul tenore di questo post, presente il marito.

“Lei che è così bravo” comincia sempre così quando c’è una fregatura “Ci aiuta a togliere quel vaso dal portavaso, perché in due non ci riusciamo”. “Possibile?” mi dico, ma sono sempre più convinto che ci sia la fregatura.
In effetti il vaso, una cassetta da 40-50 cm, di quelle tradizionali, infilata nel suo portavaso di metallo, non ne vuole sapere di uscire. Ormai si è deformata talmente che preme lungo i bordi e non basta tirare per estrarla, bisogna mettersi in due. Èd è così che mentre uno preme lungo i bordi e l’altro cerca di sollevare, la cassetta, tra i gridolini della vicina (e moglie di quello che tirava), esce. Un vaso d’epoca? No, comprato la primavera scorsa; che detta così può sembrare tanto tempo, ma sono solo quattro mesi fa. “Ha fatto un bell’affare signora” accenno io davanti al bianchino offerto per sdebitarsi dell’aiuto e forte della sua candida ammirazione: “se usava un sacchetto di plastica era quasi meglio”, perché è bello ogni tanto essere cattivi.
Torno a casa, esco quasi subito per andare al supermercato, acquisto un vaso di quelli da spendere poco (il bello della vacanza è che puoi riempire il tempo di una giornata con qualsiasi cosa ti venga in mente) e faccio una prova: cerco innanzitutto un cassetta delle mie, come la Fioriera Natura Colorata di  Bama, della stessa misura. Le metto tutte e due sul tavolo e le misuro scrupolosamente con il centimetro: 14 cm sul lato corto interno, misurato ai bordi e al centro. Le due cassette sono pressoché uguali.

Fioriera Natura colorata

Riempio entrambi i vasi con della terra nuova di sacco (nell’aprire il sacco nuovo mi sembra di essere un giocatore di poker mentre apre il pacchetto delle carte – in vacanza basta poco per far contento un uomo). Verso quindi un litro di acqua in ogni vaso, badando di distribuirla bene su tutta la superficie e attendo (il tempo non mi manca). E torno a misurare con pervicace scrupolo: è il momento della verità.

Continua a leggere »

GIOCHIAMO A FARE LE PIANTE

giovedì 20 agosto, 2015

Se siete a casa e avete voglia di darvi al giardinaggio, sbizzarritevi a fare talee; in questo mese viene quasi di tutto e potrete ottenere tante piante gratis con cui decorare il terrazzo o il giardino nei prossimi anni.

Innanzitutto è bene sapere che per ottenere una pianta da un talea è sufficiente un rametto di 10-15 cm; inutile tagliarne di più. Se lo fate tagliatelo in più parti, ognuna dotata di almeno due foglioline. Inoltre, è pressoché inutile usare la polvere radicante; la sua influenza è veramente minima.

Risultati immagini per talea

Usiamo invece un terriccio universale o, meglio ancora, un terriccio per piante grasse.

Se le foglie sono lunghe (come nel caso dell’oleandro) tagliamole in modo da ridurle a una lunghezza di due centimetri. È importante, per una buona riuscita, che la pianta non perda umidità; dal momento che non ha ancora le radici, non può pescare l’acqua dal terreno e quindi ha la tendenza a seccarsi. Tagliando al minimo le foglie evitiamo che con la traspirazione disperata l’acqua che possiede.

Risultati immagini per talea coperta

Bagniamo il terreno senza inzupparlo e copriamo la talea con un sacchetto di plastica trasparente, una bottiglia tagliata e capovolta o un coperchio se usiamo la seminiera. Se la talea resta all’umido, entro due-tre settimane vedremo spuntare delle nuove foglie, segno che sono spuntate anche le radici. No spostiamola ancora; lasciamo che si rinforzi.

Continua a leggere »

PERCHE’ NON CONSERVIAMO PIU’?

giovedì 13 agosto, 2015

Una volta non c’era casa in cui ad agosto non si facessero le conserve.

Era un dovere a cui partecipavano tutti in casa e diventava anche un momento di festa, nonostante la fatica.

Conservare la frutta e la verdura era un obbligo, se non si voleva arrivare all’inverno senza nulla di sostanzioso da mettere sotto i denti, ma era anche il modo economico per sfruttare al meglio quanto veniva prodotto dalla terra in questa stagione.

Risultati immagini per FARE CONSERVE FRUTTA VERDURA

Oggi con le moderne tecniche e i barattoli con chiusura ermetica come la linea Freska di Bama venduti anche al supermercato dovrebbe essere molto più facile; spinti dalla necessità di acquistare al miglior prezzo la frutta e la verdura di stagione, mettendosi con un minimo di impegno ci sarebbe da fare scorta per dei mesi risparmiando non pochi soldi e, soprattutto, mangiando bene anche fuori stagione.

Continua a leggere »

UN PO’ DI OMBRA IN TERRAZZO

martedì 4 agosto, 2015

Il sole ci fa desiderare sicuramente di avere un po’ di ombra in terrazzo; le solite tende non sono sempre la soluzione migliore perché, a fronte di una copertura sicuramente elevata, limitano anche il passaggio di aria.

Perché allora non creare un po’ di ombra sfruttando degli alberelli, la cui ombra leggera non impedisce il passaggio di aria, ma ci permette sicuramente di vivere la terrazza anche nelle ore pomeridiane?

Risultati immagini per ombra terrazzo bambù

Possiamo scegliere tra gli oleandri, il cui veloce sviluppo ci permette in una sola stagione di ottenere l’ombra desiderata e che possiamo anche coltivare a mo’ di siepe per difenderci dagli sguardi inopportuni dei vicini. Oppure un clerodendro, una bella pianta dai fiori rosati che fiorisce proprio nel periodo estivo. Oppure il bambù, esotico e sempre piacevole, capace di creare una barriera fitta eppure leggera.

Risultati immagini per oleandro

C’è solo l’imbarazzo della scelta. A noi spetta solo scegliere il vaso ideale, opportunamente profondo, almeno 50-60 cm, che sappia fornire una solida base di appoggio contro il possibile vento. È utile anche legare in qualche modo il nostro alberello alla ringhiera o al parapetto con un legaccio da tenere morbido, ma che eviti comunque alla pianta di cadere sotto l’azione di una raffica.

Risultati immagini per clerodendro

Da considerare che l’utilizzo di alberelli, oltre a fornirci l’ombra leggera che desideriamo, ci lascia comunque liberi di coltivare tutte le erbacee da fiore che desideriamo.

Continua a leggere »