Il giardino di Bama

E’ LA SETTIMANA GIUSTA PER PIANTARE LE BULBOSE

venerdì 23 ottobre, 2015

La seconda metà di ottobre è il periodo ideale per piantare le bulbose primaverili, in piena terra e in vaso.

Tulipani, giacinti, crochi, narcisi, muscari e iris, piantati adesso, rallegreranno il nostro giardino e la nostra terrazza a primavera.

Risultati immagini per Tulipani, giacinti, crochi, narcisi, muscari e iris

Ci basta un grosso vaso o un mastello per creare una bella aiuola colorata anche sul nostro terrazzo.

Assicuriamo innanzitutto un perfetto drenaggio con due dita di ghiaia sul fondo e teniamo sollevato il vaso dal pavimento usando tre tappi di plastica.

Risultati immagini per PIANTARE Tulipani, giacinti, crochi, narcisi, muscari e iris

Riempiamo poco alla volta il vaso con terriccio misto a sabbia, mettendo prima i bulbi più grandi e poi, man mano che riempiamo di terra, quelli più piccoli in modo da formare più strati, badando solo di non sovrapporre tra loro i bulbi. A primavera avremo un’aiuola spettacolare.

ARIA PULITA ANCHE IN CASA

martedì 20 ottobre, 2015

Basta avere in casa tre semplici piante verdi, comunissime e di basso costo, per rigenerare tutta l’aria che ci serve in un ambiente chiuso e restare in salute.

È quanto afferma Kamal Meattle, ricercatore indiano, che ha condotto una ricerca a Nuova Delhi. Le tre piante sono la palma Areca, la Sansevieria e il Pothos.

Risultati immagini per PALMA AREcA   Risultati immagini per sansevieria       Risultati immagini per potos pianta

La palma Areca è fondamentale perché converte l’anidride carbonica in ossigeno: ne servono quattro a testa, più o meno alte quanto noi. Sei-otto piantine a testa di Sansevieria in camera da letto ci assicurano l’ossigeno per la notte. Il Pothos, la cui velocità di crescita e capacità di mettere radici è nota a tutti, ha invece la capacità di ripulire l’aria dalla formaldeide e da altre sostanze chimiche volatili.

Continua a leggere »

SEMINIAMO LE PIANTE GRASSE

giovedì 15 ottobre, 2015

Se abbiamo avuto la fortuna di veder fiorire le nostre piante grasse, allora possiamo cimentarci anche nella semina.

Se il fiore infatti è stato impollinato alla sua base si è formato un frutto al cui interno risiedono numerosi semi. Questi sfruttano la polpa stessa come substrato utile per germogliare. Aprendo un frutto maturo non è raro trovare alcuni semini già germogliati.

Risultati immagini per semini frutto piante grasse

Se desideriamo trasformare questi semini in nuove piantine dobbiamo armarci di pazienza: cerchiamo un posto in casa davanti a una finestra: la posizione ideale è luminosa, non colpita dal sole, con una temperatura di circa 20-21° (quella di casa è perfetta).

Risultati immagini per semina piante grasse

Riempiamo un vaso di terriccio da semina e ricopriamo la superficie con due-tre millimetri di sabbia. Con lo spruzzatore inumidiamo bene la sabbia, quindi posiamoci i semini in modo che stiano staccati tra loro, anche di poco. Chiudiamo il vaso in un sacchetto di plastica trasparente; dopo qualche ora noteremo che all’interno del sacchetto si sarà formata della condensa, segno che l’umidità al suo interno è sufficiente.

Risultati immagini per semina piante grasse sacchetto plastica

Non dovremo far altro a questo punto che controllare di tanto in tanto che il sacchetto sia appannato; in caso contrario apriamolo e con lo spruzzatore inumidiamo la sabbia e richiudiamo.

Continua a leggere »

UNA AIUOLA ANCHE IN VASO

venerdì 9 ottobre, 2015

Possiamo ancora usare i settembrini oppure i crisantemi che cominciano a fiorire adesso per realizzare piccole composizioni in vaso.

Possiamo trapiantarli oppure usare gli stessi vasetti in cui li abbiamo acquistati. Sul terrazzo possiamo metterli due o tre in una cassetta mescolandoli a delle piccole piante di rosmarino o di edera o mettendoli vicino alle calle ormai sfiorite.

Risultati immagini per settembrini    Risultati immagini per crisantemi

Il contrasto di colore tra le foglie e i fiori sarà ancora più evidente.

Possiamo mettere i settembrini nei vasi più grandi alla base di cespugli o rampicanti o, ancora, creare delle grosse ciotole in cui disporli a formare un vera e propria aiuola variopinta. Trattandosi di piante perenni è giusto che li conserviamo anno dopo anno.

Risultati immagini per crisantemi settembrini vaso

Ma attenzione: mentre il primo anno avranno un aspetto cespuglioso compatto, già dal secondo anno tenderanno ad allungarsi assumendo un aspetto disordinato. Ricordiamoci allora a giugno prossimo di tagliarli con le forbici, dimezzandone l’altezza e inducendo i fusti a ramificarsi in modo da ricreare una forma rotonda e compatta.

I crisantemi invece andranno tagliati prima dell’inverno a due dita dal terreno. A primavera produrranno nuovi getti che fioriranno poi in autunno.

LA CURA DELL’UVA

venerdì 2 ottobre, 2015

Settembre è il mese dell’uva e quest’anno l’annata è, a detta degli esperti, veramente speciale.

Non se ne avvantaggia solo la produzione di vino, ma ci permette anche di godere di questo frutto dalle caratteristiche impagabili.

Risultati immagini per uva

L’uva infatti è ricca di acqua, ma anche di zuccheri e di preziosi microelementi utili per il nostro organismo. Una buona abitudine, in questo periodo, è costituito dalla cosiddetta “cura dell’uva”.

Risultati immagini per bicchiere vino           Risultati immagini per piatto di uva bianca

Niente di aggressivo e nessuna controindicazione. Si tratta soltanto, per il mese di settembre, di mangiare per due giorni consecutivi alla settimana soltanto uva (bianca o nera è pressoché indifferente, la nera è più ricca di tannini).

Risultati immagini per mangiare uva      Risultati immagini per piatto di uva

L’apporto di acqua e zuccheri è ampiamente sufficiente a soddisfare il fabbisogno tipico di un adulto; in compenso questa ”cura” disintossica l’organismo, pulisce l’intestino, aiuta il fegato e i reni. Insomma, quello che ci vuole dopo gli inevitabili stravizi estivi e il miglior modo per prepararci ad affrontare la cattiva stagione.